Ipasvi Collegio Provinciale Massa Carrara

Stampa, Foto e nota della Presidente del Collegio IPASVI Massa Carrara - Dott.ssa Morena Fruzzetti - Evento “Ictus, criticita’ ed opportunita’ in una malattia sociale: la risposta ai bisogni assistenziali nell’emergenza territoriale, nella presa in carico riabilitativa e nei percorsi per il ritorno a casa”

“Ictus, criticita’ ed opportunita’ in una malattia sociale: la risposta ai bisogni assistenziali nell’emergenza territoriale, nella presa in carico riabilitativa e nei percorsi per il ritorno a casa”
 
 
“Come infermieri siamo soddisfatti del convegno di Alice. Noi sempre vicini a chi soffre” – Nota della presidente IPASVI di Massa Carrara dott.ssa Morena Fruzzetti
 
Soddisfazione per il convegno promosso da A.L.I.Ce. in partenariato con l’Associazione “Sanità è progresso” e con la collaborazione della locale Fraternita “San Francesco” di Misericordia di Massa è espressa in una nota dal Collegio provinciale IPASVI: il Collegio degli Infermieri di Massa Carrara, tramite una nota della nuova presidente dottoressa Morena Fruzzetti.
 
“Per poter prevenire, intervenire tempestivamente – scrive la presidente dott.ssa Fruzzetti – nella cura e supportare nel percorso riabilitativo la persona colpita da una patologia che può risultare altamente invalidante come l’ictus cerebrale è necessario conoscerne fattori predisponenti, stili di vita, sintomi , decorsi e esiti che non devono essere esclusivo bagaglio culturale degli addetti ai lavori ma anche conoscenza diffusa ed è in questo che l’associazione A.L.I.ce impegna l’energia dei suoi volontari per fare conoscere alla cittadinanza una malattia che dal punto di vista epidemiologico, nel nostro Paese, risulta essere la terza causa di morte nell’adulto dopo le patologie vascolari e i tumori, con lodevoli iniziative di informazione e sensibilizzazione come quella organizzata per la giornata mondiale dell’ictus nella nostra città.
 
E’ naturale come infermieri fare sentire la nostra vicinanza e renderci partecipi in questi eventi poiché coinvolti come cittadini ma anche come professionisti che ogni giorno, nei vari contesti di cura e riabilitazione, mettono a disposizione le proprie competenze professionali nell’assistenza di questi pazienti e nel supporto alle famiglie.”
 
http://www.congressomedico.org